Le formiche di fuoco sono quasi ‘ingegneri’ del suolo

Il segreto del successo delle invasive formiche di fuoco? Hanno delle ottime tecniche di scavo che rasentano l’ingegneria. Lo evidenzia uno studio del Georgia Institute of Technology, pubblicato sul Journal of Experimental Biology, secondo il quale questa specie di formica, molto invasiva, riesce praticamente a scavare in ogni tipo di terreno, adattando le tecniche di scavo a seconda dei materiali che incontra.

Grazie a delle scansioni tridimensionali, gli scienziati hanno scoperto che questi insetti (Solenopsis invicta, anche conosciuta col nome di formica rossa) sono in grado di costruire i loro complessi nidi indipendentemente dalla grandezza dei granelli che devono spostare per farsi spazio. Le formiche cambiano anche le tecniche di scavo a seconda del tipo di suolo che stanno perforando.

Dan Goldman, professore che ha guidato la ricerca, ha spiegato alla Bbc che mentre noi umani “spostiamo questo tipo di materiale con le ruspe”, le formiche rosse creano delle strutture sotterranee complesse utilizzando piccole appendici. “Sono in grado – dice – di afferrare e trattenere. Riescono a manipolare sabbia e terra in modo pi sofisticato di qualsiasi attrezzo costruito dall’uomo”.

Native del Sud America, colonie di queste formiche si sono stabilite in tutto il mondo, negli Usa, in Australia, in Cina. “Hanno invaso gli Stati Uniti 80 anni fa – dice il ricercatore – e hanno scavato nidi dalla Georgia a Los Angeles, possono scavare praticamente di tutto”.

Fonte: http://www.ansa.it

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...