Uomo muove doppio materia di terremoti e vulcani

L’uomo, per le quantit di materiali che movimenta sulla Terra per produrre energia, cibo, alimentare l’industria e ridisegnare il territorio, ad oggi in grado di competere con le pi imponenti cause di cambiamento geomorfologico. Per queste attivit vengono spostate intenzionalmente ogni anno tra i 50 e i 60 miliardi di tonnellate di roccia, pietre, sabbia e ghiaia, di cui un terzo circa per il prelievo di minerali per l’industria metallifera e due terzi per altre industrie e per le costruzioni. Una mole di materia che nella maggior parte dei casi verr sprecata per trasformarsi in rifiuto.

E’ una fotografia “inedita” dell’attivit umana sul Pianeta – riportata sul secondo numero di Materia Rinnovabile, il primo magazine dedicato all’economia dei flussi di materia pubblicata da Edizioni Ambiente – quella contenuta in un articolo di Aldo Femia, primo ricercatore presso l’Istituto Nazionale di Statistica (Istat).

Queste enormi quantit di materiali sono il doppio di quella eruttata dai vulcani oceanici, il triplo di quella portata al mare da tutti i fiumi del mondo, il quadruplo di quella che sposta la formazione di montagne, dodici volte quella trascinata dai ghiacciai, sessanta volte quella dovuta all’erosione eolica.

Persino maggiore lo spostamento di terra involontario, ma comunque dovuto all’azione umana, e in particolare all’erosione indotta dalle pratiche agricole: 80 miliardi di tonnellate.

La ‘sete’ di combustibili fossili comporta poi il prelievo annuo di circa 45 miliardi di tonnellate di materia dormiente in natura, di cui 14 miliardi sono i combustibili effettivamente utilizzati. L’appropriazione umana di biomasse arrivata invece a 27 miliardi di tonnellate di cui 5,5 miliardi non utilizzati.

Le cifre contenute in questo numero di Materia Rinnovabile mostrano che il trend attuale di consumo del pianeta contiene uno squilibrio capace di minare le possibilit di recupero e stabilizzazione dell’economia: un cambio di passo appare necessario a livello globale. Aver trasformato il pianeta in miniera produce un impatto sempre pi pesante perch si devasta il territorio nel momento del prelievo delle materie prime e si inquinano gli ecosistemi nel momento del rilascio dei rifiuti.

Un rilascio che in buona parte avviene usando l’atmosfera come discarica: i 36 miliardi di tonnellate di CO2 emessi annualmente bastano da soli a far suonare il campanello d’allarme per il disastro climatico che si sta configurando.

Fonte: http://www.ansa.it

Advertisements

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...