Un consiglio alla Bce: per far ripartire economia sostituire Ltro con Fls. Ecco di cosa si tratta

bceLe Bce ha lanciato finora due massicce operazioni Ltro (Long term refinancing operation). Una a dicembre 2011 e l’altra a febbraio 2012. Per un totale di 1.040 miliardi in favore di circa 800 banche europee (le italiane ne hanno presi 239 miliardi). Un prestito agevolato da ripagare in tre anni al tasso dell’1%. Per ricevere questo prestito alle banche è stato chiesto di esibire un collaterale di titoli molto ampio (non solo titoli di Stato ma anche obbligazioni strutturate di rating inferiori, qui l’elenco aggiornato).

L’operazione – come abbiamo già ricordato – non ha granché funzionato. Ha contribuito a far scendere gli spread per un breve periodo temporale (fino a giugno 2012 quando poi lo spread BTp-Bund è risalito sopra quota 500) ma non ha dato nessuna linfa all’economia reale. Le banche infatti, facendo comodamente le veci della Bce (che ai sensi dell’articolo 123 del Trattato consolidato dell’Ue non può svolgere la funzione di prestatore di ultima istanza e quindi non può tecnicamente finanziare gli Stati comprando titoli sul mercato primario) hanno fatto manbassa di titoli sovrani, in particolare spagnoli e italiani, profittando di rendimenti ben superiori rispetto all’1% restituito poi alla Bce.

Quindi il primo esperimento dell’Ltro non è stato un successo da passare agli annari. Adesso – ricordiamo che domani ci sarà il nuovo direttivo della Bce – c’è chi ipotizza che l’istituto di Francoforte possa lanciare un nuovo Ltro, magari non a 36 mesi ma di durata inferiore. C’è anche qualcu altro che ipotizza che possa essere rinnovato di altri 12-15 mesi il vecchio Ltro da restituire non più al tasso dell’1% ma a quello nuovo dello 0,75%, ridotto dalla Bce a novembre.

Il punto è che manovre del genere non avrebbero nessun effetto, nuovamente, sull’economia reale. Le banche non avrebbero alcun incentivo a prestare soldi a imprese e famiglie, oliando nuovamente gli ingranacci di investimenti e consumi, tali da spingere al rialzo un Pil che in Italia arranca pesantaemnte (-8,5% in termini reali dal 2007).

Per questo motivo il consiglio alla Bce è abbandonare l’idea di un nuovo (ma vecchio) “Ltro” e di sostituirlo con un “Fls”. Di cosa si tratta? Fls sta per Funding for lending scheme. Lo ha adottato la Bank of England il 13 luglio 2012 (e poi è stato rinnovato ad aprile del 2013). Funziona così: la Bank of England presta soldi alle banche britanniche. E fin qui cambia poco rispetto all’Ltro. Una prima differenza consiste nei destinatari. Perché oltre alle banche vengono finanziate società attive nel settore immobiliare (building societies). E poi l’altra sostanziale differenza sta nel collaterale da esibire per ottenere liquidità.

L’ammontare del prestito agevolato è legato alla quantità di prestiti concessi a famiglie e imprese (“linked to their lending performance”). Più si presta soldi all’economia reale più soldi si riceve in prestito a tassi agevolati dalla Bce.

Molto semplice e decisamente efficace. Il risultato? Il Pil della Gran Bretagna si avvia a chiudere il 2013 in crescita dell’1,5% (in netta controtendenza rispetto all’Ue) trainato proprio dalla ripartenza del mercato immobiliare. Il rischio, ovviamente, è quello, come sempre nelle fasi espansive, di evitare che si crei una bolla. Ed è per questo che la Bank of England adesso potrebbe avviare un tapering e dare uno stop al programma Fls. Che però intanto, se dosato col bilancino, potrebbe essere una terza via percorribile anche dalla Bce per riportare l’economia dell’eurozona fuori dalle sabbie mobili.

fonte:http://vitolops.blog.ilsole24ore.com/2013/12/un-consiglio-alla-bce-per-far-ripartire-economia-sostituire-ltro-con-fls-ecco-di-cosa-si-tratta.html

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...