2 August, 2012 07:19

Leggere il pensiero non è più solo un affare da maghi o da prestigiatori con il pallino della telepatia: una tecnica messa a punto negli Stati Uniti dimostra come sia possibile ‘captare’ le immagini che qualcuno sta osservando o il suono che sta ascoltando, o il testo che sta leggendo. Il segreto non è in poteri misteriosi, ma in minuscoli elettrodi capaci di registrare i segnali elettrici prodotti dal cervello. La tecnica è descritta sul Journal of Neuroscience dai ricercatori dell’università della Pennsylvania e della Thomas Jefferson University. La lettura ‘hi-tech’ del pensiero è stata sperimentata su un gruppo di volontari, pazienti con epilessia in attesa di un intervento chirurgico. Gli elettrodi impiantati nel loro cervello hanno permesso ai ricercatori di osservare con precisione i segnali elettrici emessi dalle cellule nervose. Questi segnali sono st ati quindi trasmessi ad un computer, che li ha ‘decodificati’ in una lista di 15 parole scelte da ciascun volontario. Gli schemi cerebrali di ogni persona – osserva uno degli autori, Jere Manning dell’università della Pennsylvania – formano una sorta di ‘impronta digitale neurale’ che può essere utilizzata per leggere i modi in cui si organizzano i ricordi attraverso le associazioni tra le parole. Tecniche analoghe potrebbero anche essere utilizzate per analizzare i molti modi diversi di organizzare mentalmente le informazioni studiate.  Oltre a guardare i ricordi organizzati nel tempo – aggiunge l’esperto – si potrebbe usare la nostra tecnica per identificare i segnali di come il cervello organizza le informazioni apprese secondo aspetto, dimensioni, struttura, suono, gusto, ubicazione o qualsiasi altra proprietà misurabile. Tali studi verrebbero a dipingere un quadro più completo di un aspetto fondamentale del comportamento umano. Per un altro degli autori della ricerca, Michael Kahana dell’università della Pennsylvania, il ricordo spontaneo verbale è unico per la specie umana. Eppure, aggiunge, questo aspetto della memoria umana è meno compreso in termini di meccanismo cerebrale. Dato il ruolo cruciale del linguaggio nel pensiero umano e della comunicazione, conclude l’esperto, individuare una rappresentazione dei segnali che riflettono i significati delle parole ci porta un passo più vicini alla meta sfuggente di ottenere una mappa dei pensieri nel cervello umano. fonte: http://www.ansa.it

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...