Chernobyl

(ANSA) – ROMA, 17 APR – Soleterre Onlus, in occasione del 26 anniversario dello scoppio del reattore nucleare di Chernobyl il prossimo 26 aprile, rivendica il diritto alla verita’ e alla salute delle popolazioni colpite dai disastri di Chernobyl e Fukushima. ”Minimizzare i rischi del nucleare, soprattutto a seguito di incidenti come Chernobyl e Fukushima, non aiuta – si legge in una nota – a capire la reale entita’ dei danni sulla salute e soprattutto come fronteggiarli. Soleterre, coi suoi 10 anni di lavoro nelle oncologie pediatriche di Kiev, testimonia che nonostante sia passato piu’ di un quarto di secolo, l’incidenza sulla salute sia ancora alta, soprattutto per la popolazione infantile”. Soleterre Onlus critica Galileo 2011, associazione presieduta da Umber to Veronesi, che ha ”cercato di ridimensionare la pericolosita’ delle radiazioni per la salute degli esseri umani”. ”Lavorando in Ucraina da piu’ di dieci anni, Soleterre sa bene – prosegue la nota – che gli effetti dell’incidente di Chernobyl sono ancora presenti, nonostante siano passati 26 anni. L’osservazione presso i reparti di oncologia pediatrica e neurochirurgia ha verificato che se tra il 1981 e il 1985 i bambini affetti da tumore maligno erano il 33,3%, negli anni successivi a Chernobyl erano diventati il 46,7%, nel 2011 la percentuale era salita ancora al 68,7%”. (ANSA). fonte: http://www.ansa.it

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...