Aumentano le accise, carburanti più cari

In arrivo nuovi aumenti per benzina e gasolio. Aumentano infatti da oggi di 4 centesimi a litro le accise sui carburanti per «fronteggiare l’emergenza immigrati». È quanto deciso dall’Agenzia delle Dogane e riportato da «Staffetta Quotidiana», sottolineando che la decisione di aumentare le accise su benzina e gasolio autotrazione nasce dalla necessità di «fronteggiare lo stato di emergenza umanitaria nel territorio nazionale determinato dall’eccezionale afflusso di cittadini appartenenti a Paesi del Nord Africa». Le nuove accise aumentano per la benzina a 611,30 euro per mille litri (da 571,30 euro per mille litri) e per il gasolio a 470,30 euro per mille litri (da 430,30 euro per mille litri). Il tutto da oggi fino al 30 giugno, perchè dal 1 luglio entreranno in vigore anche i nuovi aumenti previsti dal decreto sul fondo unico dello spettacolo. Dal 1 luglio al 31 dicembre 2011 le accise saliranno ancora a 613,20 euro per mille litri per la benzina e 472,20 euro per mille litri per il gasolio.

LA PROTESTA DEI CONSUMATORI – Indignati i consumatori. «Già dallo scorso anno i carburanti hanno subito un aumento di 410 euro (240 euro annui per i soli costi diretti, a cui si aggiungono 170 euro per i costi indiretti). Alla luce di questa irresponsabile decisione – si legge in una nota di Federconsumatori e Adusbef – ci saranno ulteriori aumenti pari a 48 euro annui per i costi diretti e 30 euro quelli indiretti. Una situazione intollerabile, che peserà ancora una volta sulle tasche delle famiglie, già svuotate dalle pesanti ricadute della crisi. Tra l’altro, riteniamo una gravissima bugia la motivazione addotta per tale operazione, quella dell’emergenza immigrati». «Tra benzina e gasolio – prosegue la nota – questa operazione frutterà all’erario maggiori entrate pari, secondo i primi conteggi, a oltre 2 miliardi di euro l’anno. Non si riesce bene a capire, poi, come l’agenzia delle dogane possa mettere le mani in tasca ai cittadini in maniera così pesante. Il ministro dell’Economia intervenga immediatamente per chiarire la situazione».

fonte: http://www.corriere.it

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...