Il governo vara le misure per lo sviluppo

”Oggi abbiamo avviato una nuova fase di lavoro per il rilancio della nostra economia”. Così Silvio Berlusconi annuncia il varo di un pacchetto di misure per lo sviluppo economico in una conferenza stampa a palazzo Chigi. ”Questa mattina abbiamo dato il via libera a un percorso che non è facile né breve” sottolinea il presidente del Consiglio, e il piano approvato ”è un grande lavoro che necessita del concorso di tutti i ministri e anche delle forze sociali e degli imprenditori”.

Il governo ha dato il via libera al decreto legislativo sugli incentivi e al disegno di legge costituzionale per la riforma degli articoli 41, 97 e 118 della Costituzione. ”La modifica dell’articolo 41”, il cui testo ”stiamo perfezionando con i nostri esperti”, dice il premier, è così formulato: ”L’iniziativa e l’attività economica privata è libera ed è permesso tutto ciò che non è espressamente vietato”. Un principio, aggiunge, ”cardine” e ”fondamentale” per il rilancio dell’attività di impresa.

fonte: http://www.adnkronos.com/
“L’Italia è un paese che ha un debito pubblico elevato – afferma poi – ma ha dei cittadini, uso questo termine, ricchi”. Quanto alla crescita del Pil in Italia ”è valutata all’1,5%, è il minimo. Puntiamo a migliorare questa valutazione”.

La stabilità, rimarca il presidente del Consiglio, è una ”condizione essenziale” per avere il consenso degli organismi internazionali riguardo alla risposta mondiale alla crisi economica. ”Abbiamo saputo mantenere in ordine i conti pubblici”, ripete il premier, e gli organismi internazionali hanno riconosciuto all’Italia di aver ”tenuto i conti pubblici a posto durante la crisi”, ma ”ci è stata posta una condizione: la stabilità dei governi”. Il Cavaliere assicura anche che l’Italia è il secondo paese in Europa per ”solidità patrimoniale ed economica”.

Quindi l’annuncio che con gli altri Paesi europei è stata stabilita ”per l’11 marzo una riunione di tutti i Paesi dell’eurozona per adottare delle misure di difesa della nostra moneta. Tutti i governi hanno concordato sulle politiche di rilancio dell’economia, come seconda fase nell’attività governativa in risposta alla crisi globale”.

In conferenza stampa il premier si esprime anche su maggioranza e sistema giudiziario, ma ”parliamo del sistema di giustizia civile – subito avverte – Per amor di patria, oggi non parliamo di quella penale…”. ”Abbiamo avuto dei ritardi sulle misure per lo sviluppo – lamenta il Cavaliere – anche per la diaspora nella maggioranza. Noi manteniamo i numeri, che anzi stanno crescendo voto per voto. La diaspora ci ha tolto di mezzo gli ostacoli per la riforma della giustizia e le altre riforme”.

Il ministro dell’Economia, Giulio Tremonti, interviene sottolineando che oggi nel corso del Consiglio dei ministri c’è stata ”una discussione molto costruttiva da parte di tutti e contiamo di continuare il lavoro in modo informale e arrivare all’appuntamento in Europa con le carte in regola”.

Il ministro per lo Sviluppo economico, Paolo Romani, esprime soddisfazione per lo ”schema di decreto legislativo per il riordino degli incentivi che prevede una semplificazione normativa, flessibilità degli strumenti di intervento in raccordo con le regioni e una semplificazione delle procedure”. Il ministro spiega quindi che sono ”tre le categorie di incentivi” previste dal provvedimento: ”Per i voucher, per i progetti e per le procedure negoziali per investimenti oltre i 20 milioni di euro”. Romani assicura inoltre che nei criteri che regolano la legge ”ci saranno riferimenti anche all’imprenditoria femminile e giovanile”.

Mentre il ministro del Lavoro, Maurizio Sacconi, considera la modifica dell’articolo 41 della Costituzione, ”una riforma storica, se si realizza come noi vogliamo. E anche qualora dovesse esserci un referendum confermativo per conseguenza del voto parlamentare credo farebbe bene al nostro Paese un momento di partecipazione collettiva a una scelta in favore dello Stato post-moderno”.

fonte: http://www.adnkronos.com/

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...