Fmi: ripresa 2011 lenta in Paesi avanzati,per la Ue aggiustamenti lunghi e difficili

Una ripresa economica a due velocità dominerà il 2011, con una crescita debole nelle economie avanzate appena sufficiente a ridurre la disoccupazione e le economie emergenti alle prese con le sfide poste dal successo, incluso come evitare un surriscaldamento della loro economia e gestire i flussi di capitale»: lo ha detto il capo economista del Fondo monetario internazionale (Fmi), Olivier Blanchard, in un’intervista a uno dei periodici del Fondo. I Paesi, per Blanchard, devono continuare a concentrarsi su come ribilanciare le proprie economie nei prossimi anni, inclusi misure strutturali e aggiustamenti dei tassi di cambio: «senza un ribilanciamento non ci sarà una ripresa salutare».

«Altri Paesi europei forse bisognosi d’aiuto». «Altri paesi dell’eurozona, oltre alla Grecia e all’Irlanda – ha anche detto Blanchard – avrebbero bisogno di essere aiutati dal Fmi e dall’Unione europea nella loro lotta contro l’aumento del debito pubblico.

«Ribilanciare, sia all’interno sia all’esterno, continua a essere cruciale» osserva Blanchard ammettendo che il processo di ribilanciamento è «complesso. Nessuna singola misura, nessun singolo paese ha una soluzione. Misure strutturali sono necessarie: ad esempio in Asia misure per migliorare l’intermediazione finanziaria e negli Stati Uniti riforme del sistema di intermediazione finanziaria. Gli aggiustamenti dei tassi di cambio sono parte integrante di questo processo». Blanchard sottolinea inoltre il «ruolo centrale giocato nella crisi dal G20. Fino a quando la crisi è stata acuta ha rappresentato il giusto forum per un’azione rapida e veloce. Ora che la crisi è meno acuta e i paesi si trovano ad affrontare problemi differenti, un accordo è più difficile da raggiungere e, come abbiamo visto a Seoul, le discussioni possono essere intense». Il G20 è utile per fornire alla politica una panoramica economica mondiale, mostrare le implicazioni delle politiche adottate, mostrare i pericoli di una ripresa non bilanciata, valutare politiche alternative. «Questo non garantisce un successo ma sicuramente ne aumenta le chance».

Per la Ue aggiustamenti lunghi e difficili. «Non c’è alcun dubbio che diversi paesi in Europa si troveranno ad affrontare lunghi edifficili aggiustamenti macroeconomici» ha detto Blanchard, sottolineando come «ad eccezione della Grecia, le difficoltà di bilancio sono il risultato di un grande recessione non di un atteggiamento fiscale irresponsabile. Ad eccezione della Grecia, le
difficoltà di bilancio sono il risultato di una grande recessione e non di un atteggiamento irresponsabile. Possono i Paesi raggiungere una sostenibilità di bilancio? Possono farlo ma qui un altro mantra del Fmi va ripetuto: quello che è essenziale non è quanto siano drammatici i tagli ma gli obiettivi di medio termine, un credibile piano per la stabilizzazione del debito ed eventualmente una riduzione del debito. Possono i paesi fare questo per conto loro? Capisco completamente la riluttanza a chiedere di partecipare al programma dell’Unione Europea e del Fmi. Ma questi programmi possono aiutare in due modi: in primo luogo mette un tetto ai tassi di interesse ai quali il governo può finanziarsi, in secondo luogo anche se nell’ambito di tali programmi non viene chiesto a un Paese di fare di più di quanto non avrebbe fatto da solo, questi rafforzano la credibilità di questi impegni e rassicurano i mercati».

fonte: www.ilmessaggero.it

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...