Precari, si fa strada il salario minimo

RETRIBUZIONI. Nel dibattito elettorale sta
 circolando una proposta dotata sicuramente di un discreto
appeal: riconoscere ai lavoratori
precari un salario
minimo legale di 1.000-
1.100 euro mensili. Innanzi
tutto, di che cosa si tratta?
Il salario minimo legale
è un livello retributivo,
stabilito per legge, al di sotto
del quale non è possibile
remunerare i lavoratori
alle dipendenze. Ci sono
però dei problemi. Nei Paesi
in cui è vigente un sistema
di salario minimo non
è praticamente operante
un assetto di contrattazione
collettiva esteso, onnicomprensivo
e “pesante”
come da noi.
Si dirà che il salario minimo
legale sarà istituito solo
per i lavoratori precari proprio
perché essi non si
avvalgono della contrattazione
collettiva. Ma perché
il salario minimo legale
dovrebbe operare solo per
i precari e non anche per
tutto il lavoro dipendente,
compreso quello strutturato
e contrattualizzato?
Soprattutto quando il minimo
di 1.100 euro mensili
(ovviamente lordi) è assolutamente
competitivo con
livelli retributivi disposti
da fior di contratti nazionali.
Del resto, ad osservare
le statistiche dell’Inps il
livello retributivo medio
degli iscritti in via esclusiva
alla Gestione separata è
superiore a 15mila euro
all’anno, a prova del fatto
che l’istituzione del salario
minimo migliorerebbe
di ben poco la condizione
dei lavoratori, danneggiando
invece i datori, i quali
sarebbero chiamati a misurarsi
con un limite in più.
Dopo l’aumento contributivo
avvenuto nella legislatura
precedente, anche in
quella appena terminata vi
è stato un accelerato incremento
delle aliquote contributive,
dal 2007 al 2010,
ben 9 punti in più (4,8
miliardi di maggiori entrate
in valore assoluto). Vi è
il rischio che, alla fine di
tutto ciò, non vi sia un
posto di lavoro stabile in
più, ma un occupato in
meno.
Come risparmiare
Previdenza integrativa non per le pensioni di vecchiaia
I pensionati di vecchiaia non possono aderire a forme di previdenza complementare. I pensionati di anzianità, invece, possono
iscriversi a fondi pensione integrativi a condizione che tale iscrizione avvenga almeno un anno prima del compimento dell’età. R.S.
GIULIANO CAZZOLA

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...