Metalmeccanici, c’è l’intesa. Aumento di 127 euro al mese più una tantum di 300 euro

Dopo 9 mesi e 8 giorni di trattativa è stato raggiunto l’accordo per il rinnovo del contratto dei metalmeccanici. Per adesso l’intesa riguarda la parte economica. Previsto un aumento di 127 euro al mese su 30 mesi, cui vanno sommati 20 euro per chi non fa la contrattazione di secondo livello. In arrivo anche 300 euro di una tantum da erogare in un’unica tranche.

In fatto di orario si prevede un sabato comandato in più per le aziende con più di 200 dipendenti e per quelle che hanno meno di 200 addetti. Definito a 44 mesi il limite del lavoro a tempo determinato. I lavoratori, poi, matureranno un giorno in più di ferie dopo 10 anni di anzianità e 55 anni di età.

La chiusura del contratto, ha commentato a caldo il ministro del Lavoro, Cesare Damiano, è «un risultato di grande rilevanza per i lavoratori, per le imprese e per il Paese, che ha bisogno di stabilizzazione e di certezze». L’azione del governo si conclude, ha aggiunto Damiano, e il contratto «sarà firmato nella sua sede naturale tra le parti sociali. L’esecutivo ha svolto una parte importante e positiva nel suo compito di accompagnamento e mediazione». Nel pomeriggio le parti procederanno alla stesura dei testi e alla firma conclusiva.

Un’azione, quella portata avanti dal governo, che ha comunque avuto a mente «gli interessi dei lavoratori e al tempo stesso i problemi di competitività e crescita posti dalle imprese perché ogni contratto deve trovare un compromesso, un giusto equilibrio», ha proseguito il ministro, riconoscendo a sindacati e industriali «una profonda convinzione di arrivare ad una conclusione».Damiano ha anche sottolineato come l’azione del governo sia sempre stata attenta «a non invadere l’autonomia e la prerogativa delle parti sociali ma soltanto rendendosi disponibili ad avvicinare ed accompagnare le posizioni».

«Dopo una settimana di brutte notizie – ha commentato il presidente di Federmeccanica, Massimo Calearo – abbiamo chiuso il contratto guardando avanti, nell’interesse del paese e dei lavoratori». Un obiettivo «non semplice soprattutto guardando da dove eravamo partiti», ha aggiunto Calearo, osservando che resta «ancora molto da fare perché le imprese, che vivono di concorrenza, possano essere competitive».

Per questo gli industriali auspicano che arrivi «velocemente la defiscalizzazione per la contrattazione di secondo livello e quella degli straordinari perche è un momento difficile» dice ancora ribadendo come il risultato di oggi sia «importante e innovativo». Al termine Calearo ha ringraziato non solo il direttore generale di Federmeccanica, Roberto Santarelli, ma anche il presidente di Confindustria, Luca Cordero di Montezemolo e il futuro candidato alla guida di viale dell’Astronomia, Emma Marcegaglia, oltre a tutto il direttivo per la vicinanza espressa in questi giorni.

Tornando ai contenuti, ha spiegato in conferenza stampa Damiano, «si giunge ad un risultato che consente un maggior utilizzo flessibile del lavoro, attraverso l’uso dei sabati lavorativi. Si migliorano poi le condizioni dei lavoratori, in particolare per i nuovi assunti, che raggiungono per la prima volta la completa parità normativa con gli impiegati». Sotto il profilo salariale – ha detto ancora il ministro – il contratto si chiude con un risultato molto importante, nonostante le distanze iniziali delle parti. Si tratta di un aumento medio di 127 euro a regime, diviso in tre tranche: la prima da gennaio 2008 di 60 euro, la seconda da gennaio 2009 di 37 euro e la terza da settembre 2009 di 30 euro.

«C’è poi – ha aggiunto Damiano – una rivalutazione della retribuzione per i lavoratori senza il contratto integrativo, che verrà portata a 20 euro mensili per 13 mensilità. E viene erogata una una tantum a marzo 2008 di 267 euro, che sommata all’indennità di vacanza contrattuale erogata porta il complessivo a 300 euro». (a cura di Alberto Annicchiarico)

http://www.ilsole24ore.com/art/SoleOnLine4/Finanza%20e%20Mercati/2008/01/metalmeccanici-contratto-damiano.shtml?uuid=2c97b18a-c75f-11dc-9666-00000e251029&DocRulesView=Libero&area=apertura

Annunci

2 pensieri su “Metalmeccanici, c’è l’intesa. Aumento di 127 euro al mese più una tantum di 300 euro

  1. il mio commento?
    una volta per licenziarmi dovevo dare 8 giorni e finiva tutto, ora con il nuovo contratto devo dare un mese e mezzo di preavviso!!!!
    sperando che il nuovo posto ti venga tenuto da parte per un mese e mezzo…non mi sembra molto giusto…

  2. il mio caso è un po particolare, lavoravo in uno studio di progettazione con contratto a tempo indeterminato da circa 2 anni, ovviamente metalmeccanico. da Febbraio 2008 ho dato le dimissione ed è stato l’ultimo mese di busta paga.
    da marzo 2008 sono stato assunto presso una nuova azienda e nella busta paga di marzo non ho avuto come altri la voce una tantum.
    ora io non ho preso una tantum perchè nella vecchia azienda l’ultima busta paga è stata quella di febbario, mentre l’una tantum è stata pagata a marzo, nella nuova azienda non avendo avuto con loro nessun rapporto lavorativo nel 2007 non mi hanno versato questa quota.
    ora mi chiedo come posso fare per avere anche io questa retribuzione, visto che cmq nel 2007 avevo un contratto metalmeccanico? grazie

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...