È nata la F2008

La cinquantaquattresima monoposto della scuderia di Maranello

È nata la F2008, più agile e sicura

Ma sarà anche più difficile da guidare senza controllo della trazione e sistema di assistenza elettronica all’avvio

MARANELLO – Tolto il velo alla F2008, nuovo gioiello monoposto di casa Ferrari. Si tratta della cinquantaquattresima costruita dalla scuderia di Maranello per partecipare al Campionato del Mondo di Formula 1. In sintesi meno elettronica e più sicurezza, come richiesto dal nuovo regolamento della Fia, ma anche nuova aerodinamica e una gestione della vettura semplificata. Il progetto, contraddistinto dalla sigla interna 659, rappresenta l’interpretazione del regolamento in vigore nel 2008, con l’introduzione di un nuovo sistema elettronico uguale per tutte le squadre, il SECU (Standard Electronic Control Unit), costituito da una centralina unica e da un software il cui sviluppo sarà concluso in coincidenza con l’inizio del campionato. Ecco le altre novità previste dal regolamento. Il cambio dovrà essere utilizzato per quattro eventi consecutivi; la sicurezza, con l’introduzione di protezioni laterali più alte nella zona del casco del pilota; i materiali, con una limitazione nella tipologia dei compositi utilizzabili. La conseguenza è un aumento del peso della vettura. Tutte le superfici aerodinamiche sono state completamente riviste ma la configurazione che verrà impiegata in occasione della prima gara sarà diversa da quella attuale.

OAS_AD(‘Bottom1’);

LE NOVITA’ – La scocca è stata ulteriormente scavata sotto le gambe del pilota e le pance e il cofano motore sono stati più rastremati. Il sistema sospensivo è stato rivisto e sviluppato attorno alla nuova aerodinamica. Il passo e la distribuzione dei pesi sono stati adeguati alla sfida presentata dal nuovo regolamento e dall’esperienza acquisita lo scorso anno sul comportamento degli pneumatici Bridgestone. Le modifiche ai regolamenti tecnico e sportivo per quanto concerne l’elettronica e la conseguente introduzione della SECU hanno determinato l’eliminazione di una serie di aiuti nella guida come il controllo della trazione e del motore in frenata e il sistema di partenza assistito elettronicamente, nonché una gestione del differenziale, del motore e della cambiata molto più semplificata. La scatola del cambio è in carbonio e la posizione della trasmissione rimane longitudinale. Il cambio è dotato per il secondo anno consecutivo del sistema di cambiata veloce, adattato al software SECU e ulteriormente velocizzato. L’impianto freni è stato aggiornato con nuove pinze e nuovo sistema di raffreddamento. Il motore 056 è montato longitudinalmente e mantiene la sua funzione portante. La struttura fondamentale rimane inalterata rispetto all’unità omologata all’inizio della scorsa stagione mentre sono stati ulteriormente sviluppati i sistemi ausiliari e l’alimentazione aria e carburante.

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...