Quella dieta involontaria

E’  ormai un dato
amaramente celebrato.
Quello che invece le indagini
dei consumatori ci dicono è
che stiamo facendo una dieta
involontaria: sulle nostre tavole
mettiamo meno carne, pasta,
cereali, frutta. Riduciamo insomma
drasticamente i consumi ma
poi non risparmiamo nulla. Anzi.
Spendiamo decisamente di più.
Per cui se abbiamo eliminato
pane e pasta con un taglio medio
del 5%, quando usciamo dal negozio
abbiamo speso fra il 5 e l’8%
in più. Ora il ministro Bersani
dice che si faranno normative piu
severe per il controllo dei prezzi.
Ci sembra una decisone tardiva. A
meno che il governo non abbia
più a cuore la forma degli italiani,
facendogli tirare la cinghia.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...